Perdite rinviate, capitalizzazione delle imprese, bonus per aggregazioni di impresa e ristorni di cooperative

g.gentili@imprenditoresmart.it

Con la legge di bilancio 2021 (Legge 30 dicembre 2020 n. 178) il legislatore ha previsto delle agevolazioni rivolte alle imprese, al fine di attenuare gli effetti generati dal Covid.

Nel precedente articolo Crediti di imposta della legge di bilancio 2021: bonus utilizzabili dalle imprese” sono stati illustrati i principali crediti di imposta, ora analizziamo sinteticamente altri provvedimenti a favore delle imprese.

Cosa leggerai in questo articolo

Perdite ibernate

In tema di copertura delle perdite realizzate nel 2020, è previsto che nel caso in cui il risultato negativo realizzato dalla società superi un terzo del capitale, ma rimanga nei limiti nel minimo legale previsto per la specifica forma societaria interessata, il termine entro il quale dovranno risultare diminuite a meno di un terzo del capitale sociale non è l’esercizio immediatamente successivo (come previsto ordinariamente dal Codice civile), ma è posticipato al quinto esercizio successivo (ovvero, per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare, entro la fine del bilancio 2025). 

Nell’ipotesi di perdite del 2020 che riducano il capitale al di sotto del minimo legale previsto, la decisione obbligatoria in tema di ricapitalizzazione o trasformazione o scioglimento, può essere rinviata fino al quinto esercizio successivo, quindi, anche in questo caso, entro il termine dell’approvazione del bilancio 2025.

In sostanza, le “perdite 2020” vengono messe in “quarantena” per 5 anni e non obbligano agli importanti interventi previsti nelle diverse situazioni che i risultati negativi generano a livello patrimoniale.

Le perdite realizzate nell’esercizio 2020 devono essere comunque indicate nella Nota integrativa con specificazione della relativa origine e delle movimentazioni intervenute nell’esercizio.

Ricorda: A parte l’intervento normativo della legge di bilancio, l’imprenditore deve indagare attentamente sulle cause della perdita, ovvero se la stessa è riconducibile esclusivamente all’emergenza sanitaria o vi sono altri fattori che l’hanno determinata. È altrettanto importante verificare se la società avrà capacità reddituali tali da poter conseguire utili di esercizio in grado di riassorbire il deficit patrimoniale; per tale finalità può essere molto utile definire e approvare dal Cda un business plan.

Riallineamento tra valori fiscali e civilistici

È possibile attribuire rilevanza fiscale ai maggiori valori dei seguenti elementi patrimoniali, risultanti nel bilancio dell’esercizio al 31.12.2019 e ancora iscritti nel bilancio 2020:

  • avviamento, costi di impianto e di ampliamento, costi di sviluppo;
  • immobilizzazioni materiali ammortizzabili e non ammortizzabili;
  • immobilizzazioni immateriali rappresentate da beni giuridicamente tutelati (diritti di brevetto industriale, diritti di utilizzazione delle opere dell’ingegno, diritti di concessione, licenze, marchi, know-how, altri diritti simili);
  • beni di costo unitario inferiore a euro 516,46;
  • partecipazioni in società controllate o collegate costituenti immobilizzazioni finanziarie.

Per procedere per il riallineamento è necessario il pagamento di un’imposta sostitutiva del 3%, da calcolare sulla differenza tra i valori civilistici e fiscali dei beni risultanti nel bilancio 2020.

Ricorda: in genere il valore fiscale è superiore al valore civilistico come conseguenza di operazioni straordinarie. Con il riallineamento non si genera, come nel caso della rivalutazione, un aumento di valore, ma il minor valore dell’attività fiscalmente riconosciuto viene portato allo stesso livello del valore contabile.

Incentivate le aggregazioni tra le imprese

Vengono agevolate le aggregazioni tra imprese che non fanno parte dello stesso gruppo economico e che possono avvenire attraverso delle operazioni societarie (fusione, scissione o conferimento d’azienda) deliberate durante il 2020.

Il soggetto risultante dall’operazione straordinaria (società incorporante o risultante della fusione, o la società beneficiaria della scissione o il soggetto conferitario nel conferimento d’azienda) può trasformare in credito d’imposta le imposte anticipate afferenti:

  • alle perdite fiscali che sono maturate fino al periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di efficacia giuridica dell’operazione;
  • alle eccedenze ACE (aiuto alla crescita economica) che sono maturate fino al periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di efficacia giuridica dell’operazione.

E per le cooperative? Agevolazione per i ristorni

In riferimento ai ristorni, la legge di bilancio 2021 ha previsto che per le somme attribuite ad aumento del capitale sociale nei confronti di soci persone fisiche, le cooperative hanno facoltà di applicare, previa delibera assembleare, la ritenuta a titolo d’imposta del 12,5% all’atto della loro attribuzione a capitale sociale, in luogo dell’attuale ritenuta del 26% all’atto della distribuzione.

L’agevolazione è prevista per i soci persone fisiche, ad esclusione degli imprenditori individuali e di coloro che detengono partecipazioni qualificate.

Ricorda: la stessa ritenuta può essere applicata anche alle somme attribuite ad aumento del capitale sociale, deliberate anteriormente al 01.01.2021.

Nei prossimi articoli parleremo dello stop degli ammortamenti del 2020 e la rivalutazione dei beni d’impresa.

È possibile sfruttare un momento tanto destabilizzante per reinventarsi e trovare la via giusta per ricominciare, rinascere e crescere senza perdere la propria identità, ma questo è possibile soltanto affidandosi ad un team di esperti che possano analizzare la situazione e sviluppare una strategia su misura per azzerare le dissipazioni di tempo, energie e risorse oltre che per evitare errori che potrebbero essere fatali. 

Il team di esperti di Imprenditore Smart, con l’attivazione del Workshop Strategico, è a tua disposizione per un confronto completamente GRATUITO sulla situazione della tua azienda. Richiedilo compilando il form sottostante, ti ricontatteremo al più presto.

Condividi l'articolo
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Richiedi IL WORKSHOP STRATEGICO GRATUITO
Con il WORKSHOP STRATEGICO avrai la possibilità di confrontarti con i nostri esperti per discutere e analizzare l’impatto del Covid sul modello di business e sulla strategia della tua azienda. Il Workshop è completamente gratuito e può essere svolto Online.

One Response

Comments are closed.