Il vero imprenditore si occupa di strategia aziendale non di questioni operative

info@imprenditoresmart.it

Come piccolo imprenditore è facile trascurare l’importanza di occuparsi della strategia aziendale.
Ma se desideri creare un’impresa sana e sostenibile, è fondamentale dedicare del tempo a questa attività su base regolare.

Ci sono due modi In cui puoi impiegare il tuo tempo. Il primo lavorando nell’azienda (working in your business, direbbe Michael E. Gerber), confondendo la tua vita personale con essa e occupandoti esclusivamente dei problemi operativi: dalla produzione alle vendite, passando per i pagamenti e la contabilità.

Il secondo lavorando sulla tua azienda (working on your business, secondo Michael E. Gerber), che significa ritagliarsi del tempo anche per pensare strategicamente a temi quali: mercato, opportunità di business, modello di business, partnership, value proposition, tecnologie, investimenti ecc..

Perché un’azienda abbia successo, entrambi i livelli di coinvolgimento dell’imprenditore sono fondamentali. Senza un imprenditore che conosce gli aspetti operativi e un team qualificato per gestire l’attività, non succede nulla.
Ma ugualmente, non si va da nessuna parte se l’imprenditore trascura la parte strategica e non da una direzione di lungo termine alla propria impresa.

Malauguratamente, la maggior parte dei piccoli imprenditori trascorre praticamente tutto il suo tempo ad occuparsi di questioni operative, tralasciando completamente quelle strategiche, ben più importanti.

Non è difficile capire perché. Tutti noi tendiamo a concentrarci non su ciò che è importante ma su ciò che è urgente. E un piccolo imprenditore in azienda ha sempre qualcosa di urgente da fare.
Farsi pagare dai clienti, risolvere i problemi di consegna o di produzione, sostituire i dipendenti in malattia, parlare con i fornitori che vogliono essere pagati o che consegnano in ritardo … e così via.
Ma così facendo il risultato è uno solo: un’impresa che fluttua senza meta nel mercato, e che va ovunque la corrente possa portarla.

Per costruire un’impresa di successo purtroppo non ci sono scorciatoie: non si può pensare solo alle questioni operative ma occorre dedicare tempo e risorse alla pianificazione strategica.
Prima o poi i nodi vengono al pettine e se non hai chiaro quale ruolo vuoi giocare nel mercato i problemi veri non tarderanno ad arrivare.

Dedicare del tempo al pensiero strategico deve diventare una tua priorità. E se non lo farai, significa solo una cosa: in fondo non sei un vero imprenditore.

Per non perdere questa sfida, fondamentale per il futuro della tua azienda, devi solo essere disciplinato e dare la giusta importanza a questa attività.

Eccoti alcuni consigli che potranno tornarti utili:

1) Considera la pianificazione come se fosse un cliente. Se un cliente ti chiede un incontro urgente questa settimana, sono sicuro che, nonostante i mille impegni, alla fine troverai il modo per accontentarlo. Pianifica il tempo da dedicare ogni settimana (30 minuti, un’ora o quello che vuoi) alla pianificazione strategica e trattalo come se si trattasse del tempo da dedicare ad un cliente.

2) Trova un partner responsabile. Scegli un amico, un familiare o un consulente e fatti aiutare. Spigagli che riconosci l’importanza di occuparti della strategia, che d’ora in poi dedicherai il giusto tempo a questa attività e che il suo compito sarà proprio quello di assicurarsi che tu non venga meno a questo impegno.

3) Termina ogni sessione strategica con un elenco di azioni. Una volta definita la strategia devi tradurla in azioni. Identifica perciò 1-3 azioni che ti permetteranno di raggi ungere i tuoi obiettivi. Sii specifico, stabilisci le attività, i tempi e le persone responsabili. La creazione di un elenco di azioni è il ponte tra pianificazione strategica e operatività.